Chi siamo

Social e digital addicted, cinture nere di keywords, DNA creativo: siamo un team di persone in continua evoluzione, guidato dalla passione per le idee.
Crediamo che per navigare nel web seguendo la giusta rotta serva una vista eccezionale, una twenty twenty vision: ecco perché, per creare strategie di comunicazione che lascino il segno, usiamo la nostra super-vista.

La nostra mission

Realizzare progetti che abbiano come minimo comune denominatore la creatività, scegliendo la strategia più corretta e raggiungendo obiettivi concreti e misurabili.

Il nostro metodo

Il nostro è un lavoro di squadra: non c’è strategia vincente senza un attento ascolto della rete e nessuna idea creativa azzeccata può prescindere dall’orientamento al risultato.
Per questo ci piace chiudere il cerchio: facciamo ricerca senza mai perdere di vista gli obiettivi, definiamo il percorso più corretto e originale per raggiungerli e teniamo sempre sott’occhio i dati e i risultati ottenuti.

Il team

Daniela Agoletti

Executive Creative Director

Crede fermamente nel perfezionamento per approssimazioni successive: ecco perché si diploma in lingue, si laurea in storia e per un certo periodo si cimenta nei lavori più disparati, approdando nel mondo della comunicazione nel 2011 (alla veneranda età di anni non si dice). Cresciuta professionalmente in Ambito5, sperimenta il ruolo di content manager – in un passato remoto in cui bastavano un testo azzeccato e una bella foto per costruire un piano editoriale – poi in quello di account e infine diventa responsabile del team di creazione di contenuti. Entra in TwentyTwenty nel 2016 e ancora non ci crede che uno dei suoi sogni si è realizzato: non è diventata né archeologa né campionessa di MotoGP, ma, per vivere, scrive. E viceversa.

Antonio Bellini

Executive Creative Director

A prima vista può sembrare un nerd, in realtà sotto barba e occhiali nasconde un cuore da rock star e una mente da designer. Ha la strana capacità di imparare le cose osservandole, così a 12 anni ha iniziato a suonare la chitarra – ma solo per rimorchiare – a 21 si è calato nei panni del sistemista informatico – ma solo per caso – e a 25 è entrato in un’importante agenzia di comunicazione esterna – ma solo per stare out of home. Nel 2014 è finalmente approdato al digital e questa volta sembra fare sul serio. Dopo un’esperienza in Ambito5 – utile soprattutto a stabilire che tutti possono avere un’opinione, ma solo l’art ha ragione – entra in TwentyTwenty portandosi dietro il suo grandissimo bagaglio di creatività e brontolii.

Francesco Maria Conti

Junior Art Director

Nasce sportivo, ma realizza in fretta che la carriera da nerd comporta meno fatica. Si affaccia al mondo della fotografia durante l’università, partendo dagli studi informatici per approdare alle arti visive. Un felice connubio che lo porta a Milano e al mondo della comunicazione, dove riesce a dare libero sfogo alla creatività.
Venessiano fino al midollo, si muove agilmente tra gli affollati marciapiedi milanesi a suon di “Ocio!”, sfoggiando t-shirt discutibili, ma indubbiamente originali (così è l’unico ad averle).

Alice Brienza

Junior Social Media Manager

Classe 1993, dopo studi classici nel varesotto decide di lasciare il nido e tra Londra, Venezia e Shanghai studia lingue, senza mai dimenticarsi, tra una declinazione greca e un carattere cinese, di refreshare pagine social. Nella precedente vita probabilmente è stata Alessandro Magno. In quella attuale invece è tornata da poco in suolo lombardo e dopo un master in comunicazione e media digitali arriva in TwentyTwenty dove sopravvive a caffè e digital accounting. Un bel tramonto e due note strimpellate sono il suo passatempo preferito.

Manfredi Ziino

Senior Social Media Manager

Ex famoso velista e Pallone d'Oro nel torneo scolastico di calcio della 3° media, scopre una passione irrefrenabile per la comunicazione digitale dopo aver contemplato per ore il ghiacciaio Perito Moreno.
Classe 1982, palermitano doc dai tratti somatici normanni, ottiene la laurea specialistica in Studi Europei dopo aver conseguito il diploma al Liceo Europeo. Di conseguenza, pur essendo uno dei discepoli prediletti da Erasmo da Rotterdam, decide di rimanere impiantato nella sua amata terra d'origine, dove tra arancine al burro, agrumeti e bagni fuori stagione trova il tempo per lanciare stravaganti social media contest e fondare una “fattoria creativa”.
Dopo una full immersion di partite di tennis commentate su Twitter, entra in TwentyTwenty con l'obiettivo di andare a servire per il match!

Giuseppe di Benedetto

Senior Copywriter

Siciliano, per metà campano, milanese inside. Laureato a pieni voti in spallucce e consumatore atavico di sushi All You Can Eat con comprovata strategia di occultamento uramaki, muove i primi passi come copywriter in svariate realtà pubblicitarie meneghine (Ogilvy & Mather, Cernuto Pizzigoni & Partners, Unusual Communication, Malcom Tyler…), senza risparmiarsi esperienze all’ombra della Tour Eiffel (Showroomprive France). Insomma, ha fatto più giri lui di agenzie che un candidato americano alle elezioni presidenziali. Nella sua vita ha scritto di tutto: dagli entusiasmanti processi di galvanoplastica agli esclusivi spray anti-age da 10 euro a spruzzo, passando per ben noti frollini secchi, in realtà poco più gustosi del truciolato, fino ad approdare alla combo Fashion & Beauty in terra straniera. Entra in TwentyTwenty ad agosto 2017, praticamente ieri, ergo questa bio è under construction, ma dalla regia ci dicono che l’entusiasmo è pervenuto alacremente (be continued…)

Elena Tronchin

Project Manager

Se ne hanno i primi avvistamenti nella marca trevigiana, dove le sue velleità artistiche la spingono presto a inserirsi nei circuiti delle fondazioni culturali. Forte delle competenze acquisite nell’event management e determinata a dare senso alle sue perifrasi, compra un biglietto di sola andata per Milano dove, dal 2012, ha Twentytwenty ragioni in più per restare. Dopo un’esperienza plurisettoriale nelle PR - dal produttore locale al wrestling internazionale - e brevettate tecniche di sopravvivenza al Salone del Mobile, i 140 caratteri diventano il contenitore perfetto delle sue idee 3.0. Nel tempo libero, se non sta correndo al parco, è facile incontrarla a qualche vernissage (leggi degustazione di vino): resta pur sempre una veneta doc!

Beatrice Bonetti

Senior Copywriter

Nata a Milano, ma con radici friulane. Sono proprio quest’ultime a garantirle, sin da bambina, un temperamento fermo e risoluto, ma soprattutto un approccio concreto alla vita. In un tema di terza elementare scrive “Da grande farò la maestra, avrò una mansarda sui Navigli e guiderò una Ferrari rossa”; in prima superiore sogna uno studio di interior design tutto suo, si laurea in Comunicazione con una tesi in Drammaturgia e continua gli studi in Organizzazione e Comunicazione dello Spettacolo dal vivo. Quando, ormai, i genitori sono totalmente rassegnati all’idea che la loro bimba non troverà mai lavoro, inizia la sua avventura nel mondo delle digital agencies meneghine, dove sembra aver finalmente trovato il suo habitat naturale. Certo niente Ferrari e niente mansarda, ma una cosa non è cambiata: continua a scrivere di sogni e desideri (ir)realizzabili.

Nicoletta Fabio

Senior Pr Account

Trapiantata quasi interamente a Milano (a eccezione di un bel pezzo di cuore, che è rimasto nella sua Catanzaro), si è laureata all’Università di Bologna in Scienze della Comunicazione e masterizzata in Marketing e Comunicazione d’impresa. Tornata nella sua città, muove i suoi primi passi nel giornalismo locale, coltivando la sua passione: scrivere, di tutto. Così, tra un consiglio comunale e un’opera a teatro, affina le sue doti di cronista, per poi passare dall’altra parte della barricata: l’ufficio stampa. Dopo svariate esperienze in associazioni piccole e grandi, arriva nella metropoli meneghina, non potendo resistere al richiamo delle agenzie di PR e, soprattutto, dei grandi concerti. Convinta che ogni band rock che vorrà mai ascoltare dal vivo nella sua vita passerà prima o poi da Milano, ha piantato qui le tende insieme a suo marito e a un bonsai di nome Peppino. Ha lavorato come account per sei anni nell’agenzia di comunicazione Image Building, prima di entrare a far parte della squadra TwentyTwenty.

Claudia Boca

Junior Account

Cresciuta a panzerotti e polenta, iperattiva ed esploratrice dalla bussola impazzita, aspira al dono dell’ubiquità, a un viaggio con la macchina del tempo e a un Volkswagen TransporterT1. Tra le Odi di Orazio e la Cyberpunk Fiction, da un diploma linguistico e dopo tre anni di Lettere classiche, si specializza in Filologia moderna. La mancanza di radici (e una borsa di studio) la portano ad Amsterdam e dopo l’abbandono delle risaie vercellesi, inizia il peregrinare europeo. Da insegnante di passaggio ad aspirante reporter, torna nel capoluogo meneghino per un Master in Comunicazione&Digital Media approdando, infine, come Account PR&Media Relations nella crew di Twenty Twenty. Seppur alla soglia degli “enta”, persiste nel cogliere l’attimo… anche con la sua Nikon e l’inseparabile diario di bordo. Quando non è in ufficio la trovate a pogare ai concerti, agli Street Food Festival o in ecovillaggi con tenda e sacco a pelo.

Nahomi Cremona

Junior Copywriter

Meteoropatica, ironica e con la testa tra le nuvole.
Le sue origini palermitane fanno del cibo il suo unico credo, non si fida delle persone che non mangiano, specialmente le melanzane alla parmigiana e i dolci.
Fin da piccola confusa e incapace di scegliere, ma molto brava a distinguersi. Mentre tutti i bambini erano convinti di diventare dottori e astronauti, lei era indecisa tra due lavori molto simili tra loro: la cartolaia e la biologa marina. Con il tempo il suo amore per il mare rimane e scopre l’unica attività fisica in grado di sostenere: le immersioni subacquee.
Si laurea in Comunicazione, Innovazione e Multimedialità all’Università di Pavia, frequenta il Master in Copywriting all’Accademia di Comunicazione di Milano e inizia subito a lavorare in vanGoGh per poi arrivare in TwentyTwenty e abbandonare per sempre l’idea di avere una cartoleria tutta sua.

Tamara Mambelli

Senior Art Director

Romagnola DOC, fin da piccola ama disegnare e costruire cose con tutto quello che gli capita sotto mano: dalla creta trovata al mare, agli scarti di legno del nonno falegname fino all’impasto della piadina. Dopo la Maturità Scientifica si laurea in Scienze della Comunicazione a Bologna per poi frequentare un Master in Multimedia Content Design presso la Facoltà di Ingegneria a Firenze. Proprio grazie a questo Master, inizia la sua avventura nelle agenzie milanesi. Lavora per 10 anni in Kettydo, dove incontra persone molto valide che le permettono di crescere e dare libero sfogo alla sua creatività lavorando con importanti brand, tra cui Mulino Bianco, Barilla, Pirelli. Arriva in TwentyTwenty a marzo 2018 pronta per una nuova avventura.

Eva Le Bon

Junior Digital Analyst

50% belga, 50% cilena, 100% international! Eva emette i suoi primi vagiti nella sua amatissima Bruxelles, ma presto lascerà birra, cioccolato e moules frites per approdare in altri lidi: in Inghilterra per studiare Business Management e in Spagna per un Master in Digital Business. La sua sfrenata passione per il trekking, mista ad una spiccata vena da avventuriera vagabonda, la portano a scalare nel 2016 l’Annapurna in Nepal. Bellissima esperienza, ma era solo un assaggio, uno stretching scalda muscoli in vista di un’impresa molto, molto più strong: conquistare il Kilimangiaro, mica noccioline.

Fabio Muzzi

Head of Digital Media & Consumer Insight

Catanzarese, classe 1983, trasportato a Milano 10 anni fa. È cresciuto a pane, morzello e marketing; diventato grande si è innamorato della fotografia e della tecnologia, in particolare quella digitale. Ma a renderlo una creatura curiosa è la sua sfrenata passione per i numeri, quelli che in gergo vengono definiti Big Data.
Tra un file excel e un datasheet prova a spiegare a colleghi e clienti – con percentuali di successo incrementali e misurabili – le dinamiche che governano il digital marketing e a interpretare i comportamenti degli utenti in rete. Mentre si cimenta in questa impegnativa missione social(e), prova a immortalare tutto ciò che colpisce il suo sguardo con il suo fidato 50mm.

Simone Enrici

Junior Social Media Manager

Curioso e sognatore, mentre affina le sue tecniche da agricoltore si diploma in elettronica. Ma tra ripetute scosse e insolazioni, si appassiona di Storia contemporanea e della comunicazione politica nel nuovo millennio. Si iscrive a Scienze Umanistiche per la Comunicazione a Milano e comincia a scrivere: tentativi di romanzi e poesie, fino a scrivere articoli sportivi per un giornale online. Mentre si immerge in un Master in Digital Marketing, decide di terminare una breve e fallimentare carriera calcistica per affiancare allo studio Digital un ruolo da allenatore di piccoli fenomeni, con i quali ottiene una decina di vittorie in quattro anni superando ogni record societario. Oggi lavora presso TwentyTwenty come Junior Social Media Manager portando avanti il sogno di scrivere a suon di drummini e caffè.